• 1200 DEMETRA 08 12 2015
  • 14032016 CONFERENZA DEMETRA
  • 210316 CONFERENZA ENG
  • 210316 CONFERENZA RUS
  • 1000 ROBERT STIRLING ENGLISH 09 02 16
  • 1000 STIRLING DEMETRA RUSSIAN 08022016
  • 1200 ASTANA DEMETRA ITALIAN
  • 1200 бDEMETRA ASTANA ENGLISH
  • 1200 DEMETRA ASTANA RUSSIAN
  • 1000 CINFAI ROVERETO VERS 2 16 02 2016

Environment including global change

ENVIRONMENT INCLUDING GLOBAL CHANGE
PALERMO 05 - 09 ottobre 2009
 
Palermo ha ospitato dal 5 al 9 ottobre 2009 il convegno Environment Including Global Change, con l'obiettivo di coinvolgere le differenti discipline che si occupano di tematiche legate all'ambiente.
In calendario è stata anche prevista la giornata di lancio per la presentazione del Piano di Lavoro 2010 del tema Environment del 7PQ, organizzata dall'APRE per conto del MIUR, con l'intento di stimolare il dibattito su come conciliare la ricerca nazionale con quella europea. 
L'evento mirava a creare rapporti e sinergie tra i settori che si occupano di ambiente e clima per facilitare la ricerca e gli studi, al fine di trovare soluzioni concrete per la lotta al cambiamento climatico (Rinnovabili.it). La città di Palermo ha ospitato il convegno Environment including Global Change già presentato precedentemente nella capitale dal prof. Antonio Speranza, presidente del Consorzio Interuniversitario Nazionale CINFAI.
L'incontro, patrocinato dal Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, dal Ministero dell'Ambiente e tutela del Territorio e del Mare e dall'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, mirava a fornire una panoramica generale sulle ricerche effettuate dalla comunità accademico-scientifica in ambito territoriale e dei cambiamenti climatici per favorire una sinergia tra i vari settori che si occupano delle stesse problematicità in modo da facilitare il dialogo.
Cinque giornate in cui si sono susseguite sei sessioni parallele, che prevedevano contributi orali e poster, e dieci sessioni plenarie. Innovazione e ricerca ambientale sono stati i settori su cui il Ministero dell'Ambiente ha inteso puntare perché, secondo il ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo, costituiscono una garanzia per una crescita di medio-lungo periodo, stabile e duratura.